COMITATO PROMOTORE

Regione Puglia

“Ancora una volta in Puglia si sperimentano nuovi percorsi culturali, che incoraggiano la produzione artistica e la valorizzazione dei talenti. Questo progetto nasce con lo sguardo rivolto lontano, alla ricerca di voci, testimonianze, storie da raccontare e tramandare. La prima Edizione del Premio Sinbad, il Premio internazionale degli editori indipendenti Città di Bari, apre nella nostra regione uno spazio dedicato alla grande Lettura, quella che fa della libertà di espressione, della creatività, dello spirito critico la sua cifra. La Regione Puglia è felice di essere parte di questa esperienza dando il suo contributo, consapevole che da qui si possano tracciare nuove prospettive di crescita culturale e collettiva.”
(Michele Emiliano - Presidente Regione Puglia)

Comune di Bari

“Abbiamo deciso di raccogliere e sostenere l’idea di alcuni editori indipendenti di dar vita a un Premio completamente nuovo, rivolto ai soli editori indipendenti che non abbiano alle spalle, o accanto, finanziatori interessati a favorire esclusivamente il momento distributivo o catene di librerie sempre più simili l’una all’altra. La formula di questo premio assicura l’assoluta trasparenza, la reale competizione tra libri belli da leggere e non semplicemente utili ad alimentare le stanche polemiche che normalmente accompagnano i grandi premi letterari nel nostro Paese. Il “Premio Sinbad, Città di Bari” nasce a Bari per promuovere concretamente la lettura e per animare un festival che sia di pubblico e di operatori. Offrire spazio e visibilità agli editori indipendenti significa nutrire la nostra libertà di pensiero e di scelta. Perché Bari e la Puglia siano sempre alla testa di un movimento creativo che fa della conoscenza la strada per la crescita collettiva”.
(Silvio Maselli - Assessore alle culture e al turismo - Città di Bari)

APE - Associazione Pugliese Editori

L'Associazione Pugliese Editori (A.P.E.) non ha scopo di lucro, la sua finalità è la promozione dell’editoria pugliese nella consapevolezza dell’importanza del libro quale veicolo di informazioni, idee e cultura, quindi, strumento fondamentale per assicurare la promozione dello sviluppo, così come voluto dalla Costituzione italiana. L'Associazione promuove il lavoro e l’impresa editoriale in collaborazione con tutte le associazioni che operano nel settore (AIE, ALI, ABI ecc.) e con tutte le realtà che caratterizzano il mondo del libro (fiere, festival e premi letterari), utilizzando le nuove forme di comunicazione e incentivando con opportune iniziative la lettura, la diffusione delle librerie e delle biblioteche, l’istituzione di premi e festival di qualità che sappiano valorizzare la scrittura e il pensiero creativo.

ODEI - Osservatorio degli Editori Indipendenti

ODEI è un gruppo di editori indipendenti, con dimensioni, cataloghi, fatturati, marchi, interessi diversi. Nessuno fa parte di un gruppo editoriale. Nessuno esercita sul mercato editoriale una posizione di monopolio, né all’interno della filiera distributiva né delle librerie. Nessuno ha nella propria casa editrice partecipazioni societarie di soggetti che rivestono posizioni di monopolio. Nessuno ha partecipazioni societarie di distributori o di catene librarie. Sono editori «affini». Il che significa che non sono uguali e proprio per questo tengono alle reciproche differenze e singolarità. Le differenze e l’assoluta singolarità di ognuno dei loro cataloghi sono una ricchezza, e sono parte della ricchezza della proposta culturale oggi presente in questo paese.

Elliot

Elliot Edizioni è nata a Roma nel maggio 2007, grazie alla collaborazione di un gruppo di persone con anni di esperienza in editoria alle spalle. Il nome deriva dalla rivista “Elliot narrazioni”, nata nel 1999 e guidata da una forte curiosità verso il mondo letterario e artistico internazionale.

Minimum fax

minimum fax è nata ufficialmente nel 1993. I due fondatori, Marco Cassini e Daniele di Gennaro, organizzavano corsi di scrittura e da lì decisero di fondare una loro rivista, e di diffonderla via fax agli abbonati. A quindici anni dalla sua nascita, minimum fax non è più semplicemente una casa editrice ma una realtà composita, costituita da un gruppo di società e associazioni culturali che curano i diversi aspetti dalla sua molteplice attività.

Nottetempo

Fondata nel 2002 da Ginevra Bompiani e Roberta Einaudi, è una casa editrice nata da un progetto: pubblicare libri di qualità, letteraria e filosofica, scritti con l’avvincente leggerezza che cerca di evocare nella veste grafica. La parola che unisce forma e contenuto è leggibilità. La pagina è piacevole, i caratteri abbastanza grandi da non costringere a una corsa affannosa agli occhiali, il volume leggero, i margini ampi. Il libro è un oggetto comodo, che si piega alle esigenze del lettore, si ricorda di lui quando è a letto (insonne, pigro o malato), in viaggio o in attesa…

LaNuovafrontiera

Il progetto editoriale che da oltre dieci anni caratterizza La Nuova Frontiera appare unico nel panorama italiano: è infatti la sola casa editrice a dedicarsi esclusivamente alle pubblicazioni di autori classici (nella collana il Basilisco) e contemporanei (nella collana Liberamente) delle letterature di lingua castigliana, catalana e portoghese. La scelta di questo criterio linguistico e culturale non ha limitato la ricerca alla penisola iberica, ma ha attraversato gli Oceani fino ad arrivare nello sconfinato continente americano e nei paesi dell'Africa lusofona.

Il Saggiatore

l 26 marzo 1958 Alberto Mondadori annunciava in una lettera a Jean-Paul Sartre l’imminente fondazione di una casa editrice che “avrà come suo principale impegno quello di diffondere libri di grande importanza nella storia della cultura, delle arti, delle dottrine e del costume.”
A più di cinquant’anni di distanza, il progetto del Saggiatore non cambia, delineandosi come il tentativo di creare, nelle parole dell’editore Luca Formenton, «una costellazione di titoli e autori che siano determinanti per il nostro tempo. Libri che resistano al tempo e lo modellino».

Iperborea

Iperborea è stata fondata da Emilia Lodigiani nel 1987 con il preciso obiettivo di far conoscere la letteratura dell'area nord-europea in Italia, che gli ha offerto una vasta libertà di scelta e una produzione di altissima qualità, che spazia dai classici e premi Nobel, inediti o riproposti in nuove traduzioni, alle voci di punta della narrativa contemporanea. Oltre ai paesi scandinavi, Iperborea pubblica la narrativa dell'area nederlandese, estone, islandese (incluse le antiche saghe medioevali) e dal 1998 una collana di saggi letterari per offrire al lettore spunti di approfondimento.

66thand2nd

66thand2nd è stata fondata a Roma nel 2008. Il nome è un omaggio a New York.
Sixtysixthandsecond infatti è l’incrocio tra la Sessantaseiesima Strada e la Seconda Avenue, a Manhattan, dove gli editori hanno creato il primo nucleo del progetto editoriale di 66thand2nd – un progetto, come suggerisce il logo ispirato alla segnaletica delle freeway, che guarda con attenzione ai fermenti della narrativa angloamericana, ma anche aperto alle letterature altre e ai talenti italiani.

Besa Editrice

BESA nasce con l'attenzione rivolta a quegli ambiti letterari che sono da sempre stati penalizzati dal grande circuito editoriale: il travaglio dei Balcani, il crogiolo multietnico del Mediterraneo, la solarità transnazionale del mondo ispanico dall'Europa alle Americhe. Punti di riferimento di un progetto che intende volgere in lingua italiana le produzioni culturali scaturite da questi grandi bacini di idee, di creatività e d'arte. A queste letterature in continuo divenire che invocano una riscoperta permanente o, forse, la riscoperta, Besa dedica gran parte delle sue collane, consapevole che proprio da questo universo in attivo fermento proviene il meglio delle scritture contemporanee. La casa editrice si propone, altresì, di valorizzare quelle aree di scrittura della narrativa italiana analogamente ignorate dal pubblico: proposte letterarie innovative e sovente alternative alle scuole consolidate, incluse quelle che si presentano come sperimentali o d'avanguardia.