Con la scusa del passato

Israele sembra aver deciso di distruggere letteralmente la striscia di Gaza e tutti i suoi abitanti. Un attacco dopo l’altro, sembra proprio questo il suo obbiettivo. E nessuno dice niente. Stanno morendo centinaia di civili innocenti. Migliaia sono i feriti e gli sfollati. Solo adesso si comincia a cercare una soluzione e si chiede di smettere di uccidere civili. Ma fino a 5 giorni fa, dopo 281 civili uccisi di cui 51 bambini, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, dichiarava ancora “che Israele aveva diritto a difendersi”, come se quello che stanno mettendo in atto si possa chiamare difesa. Difesa contro che cosa? Difesa da chi? Contro i razzi di Hamas? Contro i palestinesi armati di fionde e sassi? Questa non si può chiamare difesa, e nemmeno risposta ad un torto subito, questa è una distruzione vera e propria, una strage di palestinesi innocenti che sono colpevoli di vivere sulla terra che gli Israeliani hanno deciso essere loro.
Da un punto di vista di diritto internazionale la situazione è alquanto complicata. Infatti, il diritto internazionale, vale per gli Stati, e sono loro i soggetti e i destinatari di tali diritti e obblighi. Lo Stato di palestina però non è ancora riconosciuto come Stato (da Israele, Stati Uniti, Germania, Australia e Inghilterra), e probabilmente non lo sarà mai, visto che alcuni Stati hanno tutte le intenzioni che lo Stato di Palestina non venga tutelato e che Israele continui a potersi imporre con brutalità e violenza su di esso . Infatti, sempre secondo il diritto internazionale, uno Stato per essere considerato tale, deve soddisfare due criteri: effettività e sovranità esterna. Entrambi i criteri non vengono soddisfatti, ma in particolare l’effettività di governo.
Secondo il criterio dell’effettività, uno Stato, per essere tale nel diritto internazionale, deve avere un governo funzionante che controlla il territorio dello Stato. Lo Stato di Palestina attualmente non ha un organizzazione statale tipica e nemmeno un esercito regolare. Un passo avanti, per quanto riguarda il suo riconoscimento internazionale, è stato fatto il 29 novembre del 2012, quando gli è stato riconosciuto un posto come Stato osservatore alle nazioni unite. Questo però significa che lo Stato di Palestina non gode dei diritti che spettano agli Stati membri dell’ONU, quali la protezione da un uso della forza illegittimo, il diritto per la popolazione di decidere chi li deve governare e di non essere sottoposti continuamente alle violenze di Israele. Tutto questo riguardo lo Stato di Palestina nel suo insieme, che comprende la Cisgiordania da un parte, e la Striscia di Gaza dall’altra, e che dovrebbe essere controllato dall’ANP (Autorità nazionale palestinese).
Nei fatti, però, solo la Cisgiordania è controllata dall’autorità nazionale palestinese, mentre dopo il 2007, la Striscia di Gaza è controllata da Hamas, una delle fazioni politiche palestinesi. Questa organizzazione trova molto appoggio nella popolazione della Striscia.
Ma perché gli abitanti della striscia dovrebbero appoggiare una organizzazione che secondo gli Stati Uniti e l’Unione Europea ha fini “terroristici?” Prima di tutto perché questa organizzazione si è posta come obbiettivo quello di resistere ad Israele, e per gli abitanti della striscia sono proprio gli israeliani a spargere terrore all’interno del loro territorio, e che continuamente li umiliano.
Per quanto riguarda l’acqua, Israele impone alla striscia l’autarchia, costringendo gli abitanti a farsi bastare l’acqua piovana e le falde acquifere presenti sul territorio, e impedendo alla Cisgiordania di fornire acqua alla Striscia di Gaza. Peccato che il 95% dell’acqua presente nella striscia non sia potabile a causa di un sistema fognario inesistente. Non contenti oggi hanno anche colpito una stazione di drenaggio, e le persone hanno cominciato a bere acqua del mare per disperazione.
L’elettricità salta continuamente a Gaza. I pescatori non possono allontanarsi dalla costa più di 12km, pena la vita, e a quella distanza non riescono a pescare un bel niente. Tutti i bambini che nascono, per ottenere il documento di identità, devono essere registrati presso il ministero dell’interno israeliano, e la beffa e che la carta di identità e scritta in ebraico. I contadini palestinesi che si avvicinano al muro per cercare pezzi di metallo da rivendere, vengono uccisi senza troppi pensieri dai soldati israeliani.
Come si dovrebbero sentire delle persone costrette a vivere in queste condizioni? Come si deve sentire una popolazione che giornalmente vive queste realtà nella propria terra, a casa propria? sicuramente arrabbiata, umiliata e disperata. Hamira Hass, nel suo articolo sull’internazionale di queste settimane, chiede ad un esponente di Hamas perché continuino a giocare una partita dove Israele è nettamente superiore. La risposta è stata: ” Perché nient’altro a funzionato. Ne la diplomazia, ne l’opposizione pacifica”.
Secondo il poeta e scrittore Youssel Bazzi gli israeliani non stanno cercando una soluzione con la palestina, ma sono rimasti intrappolati nel loro immaginario biblico del popolo senza terra, che deve cercare la “vittoria definitiva”
Quando sono morti i tre ragazzi israeliani, teoricamente causa dell’attuale conflitto, tutti i giornali del mondo hanno intitolato a loro e alla sofferenza dei loro genitori le prime pagine. Il presidente Obama ha dichiarato che “come padre posso immaginarmi l’indescrivibile dolore dei genitori di quegli adolescenti. Gli Stati uniti condannano fermamente questo “insensato” atto di terrorismo contro tre innocenti”. Chissà se come padre riesce a immaginarsi l’indescrivibile dolore che devono provare in questi giorni i centinaia di genitori dei bambini palestinesi morti e le famiglie distrutte. Ma possibile che stanno tutti dalla parte di Israele? possibile che nessuno riconosce la loro pazzia?
Forse qualcuno la riconosce, ma su Israele non si può dire niente di niente, senno con molta probabilità si viene etichettati come antisemiti e razzisti, e non semplicemente come persone che esprimono il proprio parere riguardo ai fatti e agli avvenimenti. Forse e questa paura di essere ricollegati a un evento della storia, che porta tutti ad accettare in silenzio le violenze che giornalmente lo Stato di Israele infligge ai palestinesi.
P.s Attualmente i morti palestinesi sono 636 e 4030 i feriti. 29 i soldati israeliani morti, e 1 disperso.

Orecchiette al Ragù di Salsiccia e Cimette di Rapa

Ben ritrovati cari lettori in questa nuova ricetta. Oggi un primo piatto molto gustoso con queste Orecchiette al Ragù di Salsiccia e Cimette di Rapa.
L’origine incerta di questo formato di pasta vede la sua probabile origine nel territorio di Sannicandro di Bari tra il XII e il XIII secolo. In precedenza tuttavia è possibile trovare metodi di realizzazione molto simili, già a partire dal Medioevo, nella zona provenzale Francese. La caratteristica forma incavata permetteva una conservazione ed essiccazione migliore, garantendo così un sostentamento in periodi di carestia.
L’uso della cima di rapa conferisce al piatto un sapore piacevolmente piccante ed amarognolo, non apprezzato da tutti, ma stupefacente.
Passiamo a questa semplice ricetta, regina della tavola Pugliese partendo dagli ingredienti (1 persona)

Orecchiette : 80 gr
Cima di Rapa : 150 gr
Salsiccia non speziata : 100 gr
Aglio : 1 spicchio
Peperoncino : 1 piccolo
Olio Extravergine di Oliva q.b.
Sale q.b.

I procedimenti di cottura sono tre : il primo, che ho usato in questa ricetta, prevede di sbollentare per alcuni minuti le foglie di cima di rapa e successivamente farle saltare in padella, il secondo consiste nel metterle a stufare fin da subito insieme alla salsiccia, ed il terzo prevede la cottura delle orecchiette direttamente insieme alla cima di rapa.
Mettete a bollire l’acqua della pasta salata.
Cominciate lavando per bene sotto acqua corrente le foglie di cima di rapa avendo cura di scegliere le più tenere.
In un tegame con acqua bollente salata mettete a sbollentare per 5 minuti la verdura.
Nel frattempo fate scaldare, in una padella antiaderente, olio extravergine, lo spicchio di aglio ed il peperoncino.
Versate le foglie ammorbidite e fatele saltare a fiamma media per insaporirle.
Buttate le orecchiette nell’acqua. Il tempo di cottura di questo formato di pasta è di circa 8 minuti al dente.
Nella padella con la verdura aggiungete ora la salsiccia sminuzzata e privata del suo budello.
Una volta cotto e dorato il condimento aggiungete un mestolo di acqua di cottura carica di amido e fate saltare insieme alla pasta per un paio di minuti.
E voilà un primo piatto velocissimo da preparare ma veramente gustoso e dal sapore particolare.
Mi raccomando se la ricetta vi è piaciuta lasciate un mi piace ed un commento, iscrivetevi alla pagina di Facebook e come sempre…
Bon appètit

Una nuova frontiera del mercato finanziario

Con l’avvento di internet, il mercato finanziario è stato rivoluzionato e oggi qualsiasi persona che intende investire in questo ambito può registrarsi presso qualsiasi piattaforma per il trading online di opzioni binarie al fine di svolgere un’importante e redditizia attività di negoziazione.
Fino a non molto tempo fa, la negoziazione di tali strumenti finanziari era consentita solo ad operatori di alto livello ed istituzionalizzati, adesso invece non vi sono distinzioni di sorta e tutti possono avere accesso a questo nuovo modo di fare business. Se si entra nei facili meccanismi delle opzioni binarie, gli investitori possono creare un business che consente di conseguire una redditività molto alta, se si considerano che i ritorni sugli investimenti (Roi) di solito sono inferiori al 70% del capitale investito a titolo di rischio.
Il mercato delle opzioni binarie dà la possibilità al trader di operare i propri investimenti agendo su diverse alternative che consentono di negoziare su attività sottostanti finanziarie di livello internazionale come i certificati finanziari, i titoli azionari, le coppie di valute che sono scambiate sul mercato del Forex, il mercato degli indici e tanto altro ancora. Come si può notare, questi strumenti finanziari sono semplice da gestire, il trading di opzioni binarie apre le porte verso un nuovo mondo nel quale possono interagire operatori finanziari che hanno potuto maturare una certa esperienza nel settore, ma anche persone che di questa realtà non conoscono proprio nulla e che hanno la stessa opportunità di guadagno fin dal primo momento in cui decideranno di operare degli investimenti tradando opzioni binarie sul mercato finanziario.
I benefici che provengono dal mondo delle opzioni binarie sono tanti, soprattutto se si pone in essere un confronto con gli altri strumenti di trading e si tiene conto del fatto che qui si opera in assenza di commissioni e si possono produrre considerevoli profitti nell’arco del breve termine, circoscrivendo fin dal principio l’ eventuale perdita.

Psicoterapia Focale delle Crisi Decisionali

Psicoterapia Focale delle Crisi Decisionali

La “scelta” è un’operazione tesa a dividere quanto piace da quanto desideriamo scartare e l’etimologia di “decidere” deriva dal latino caedere (tagliare) a cui viene posto il prefisso de, preposizione relativa all’allontanamento: cioè “tagliare via”. La scelta, che ogni decisione comporta, porta con sè l’acquisizione di qualcosa ma anche la perdita di qualcosaltro.L’intervento psicoterapeutico focale relativo al tema della scelta e della decisone, partendo dalla storia del paziente analizza la genesi delle sue tipiche strategie decisionali con relativi punti di forza e punti di fragilità, i motivi che rendono queste strategie insodisfaccenti o inadeguate di fronte ad una scelta particolare, e le sottostanti ragioni del conflitto decisionale in termini di paure e desideri.Il momento della decisione attiva una fase incerta e caratterizzata dalla complessità, una fase che spesso alberga in un’area di confine situata tra l’ordine e il caos. el momento della decisione – come nel momento della complessità – alcuni eventi si realizzano, altri restano tagliati fuori. Con il compiersi di determinate possibilità emergono nuove configurazioni che impongono vincoli inattesi ma aprono anche orizzonti sconosciuti. Sebbene le decisioni libere siano sempre imprescindibili, non sono mai indipendenti da un certo determinismo. La decisione, di conseguenza, è il risultato di un’interazione fra destino e libertà; circostanze che si sottraggono al nostro controllo ci portano di fronte a un bivio, dove una decisione deve essere presa. A mano a mano che il momento della decisione si avvicina, la certezza diventa un vago ricordo e l’equilibrio rimane un sogno lontano. Questo incrocio decisivo è ciò che i teorici del caos definiscono un “punto di biforcazione”, dove il sistema si apre a due diverse alternative o “scelte”. Nella sua analisi della termodinamica del non equilibrio, Prigogine, dimostra che c’è un rapporto diretto fra il punto di biforcazione e la rottura di simmetria che si verifica in sistemi apparentemente in equilibrio. I sistemi lontano dall’equilibrio si avvicinano al punto di transizione fra due modelli o ordini alternativi, dove il cambiamento avviene quando si dissolve la simmetri organizzativa della struttura … Una volta che la simmetria è infranta e l’equilibrio perduto, le biforcazioni possono precipitare fino a rasentare la perdita totale di controllo … Anche se sappiamo che ogni decisione ha le sue conseguenze, non sapremo mai quali siano le conseguenze di una determinata decisione prima che avvenga il salto. Come Kirkegaard ha ripetutamente sottolineato, nessuno sguardo retrospettivo, per quanto penetrante, può cancellare l’incertezza del momento della decisione …Il momento della decisione è sempre un momento complesso, in cui i vecchi modelli cedono il passo ai nuovi.